9.8 C
Monaco di Baviera
giovedì, Settembre 29, 2022

Quando Mariupol (con altre 7 città ucraine) sognava un futuro green

Devi Leggere

Ora che di Mariupol sembrano rimaste soltanto rovine è difficile pensare che prima dell’invasione russa la città portuale stava investendo con entusiasmo nella riqualificazione ambientale. A riferire del crescente attivismo in agro ambientalista a Mariupol e in Ucraina in generale, è Nigel Jollands, co-direttore dell’Ebrd, la Banca europea attraverso la ricostruzione e lo sviluppo. L’istituto finanziario porta avanti infatti il programma Green cities, che comprende la preparazione di piani di azione sviluppo attraverso sostenere le città aderenti al programma nel preservare la qualità dei beni ambientali come aria, acqua, terra e biodiversità e usare queste risorse in modo sostenibile; mitigare e adattarsi ai rischi del cambiamento climatico e assicurare che le politiche e gli sviluppi ambientali contribuiscano al benessere sociale ed economico dei residenti. La Ebrd fornisce assistenza tecnica e finanziaria attraverso lo sviluppo e l’implementazione di questi piani.

Guerra Ucraina – Russia: diretta no stop

Il reportage – La nostra inviata in Finlandia, che teme la reazione russa
Reportage – “Spogliati o sparo”. Gli stupri etnici nei sotterranei delle città distrutte
Propaganda – Dopo la Z, una fascia bianca. attraverso ribaltare la verità su Bucha

La serie podcast Il terrore di Vladimir Putin

Tutto sul conflitto | Sentieri di guerra | Newsletter | La Giornata | Timeline

Mariupol, con il suo porto che controlla l’intero Mare d’Azov, non era nota soltanto attraverso la sua tradizione culturale: purtroppo, la tributo città ucraina attraverso dimensioni era anche un centro metallurgico fondamentale, con uno sviluppo industriale che ha causato nel tempo ingenti problemi ambientali. “Del nostro programma fanno parte 55 città – dice Jollands – ma Mariupol era sicuramente una tra le più attive, fortemente impegnata in questo processo di riqualificazione urbana. In città avevamo iniziato ad aprile 2021 gli incontri iniziali del programma ed è stato incredibile vedere l’interesse suscitato dalle nostre iniziative ad ogni livello, sia politico, sia economico. In genere quando facciamo i primi incontri informativi si presentano di solito poche decine di esattraversoti, mentre a Mariupol erano arrivate un centinaio di attraversosone, rappresentanti di ogni settore della città. C’erano gli amministratori comunali, gli imprenditori, membri dell’università, ma soprattutto tanti cittadini che hanno voluto informarsi anche attraverso un sondaggio online”.

L’intervista

“Clima, nella mia Ucraina devastata vedo come sarà invivibile il mondo se non agiamo subito”

di

Cristina Nadotti

12 Aprile 2022

Mariupol voleva riparare i danni ambientali: “C’era la consapevolezza che l’eredità lasciata dai piani industriali del passato era drammatica e che bisognava affrontare la grande sfida di riqualificare la città dal punto di vista ambientale, attraverso attraversofezionare la qualità della vita. Almeno all’inizio ci saremmo concentrati soprattutto sulla contaminazione del suolo e delle falde acquifere da metalli pesanti, la nostra priorità sarebbe stata la salute dei cittadini”.

Gli amministratori di Mariupol erano impegnati nella transizione ecologica: “Dagli incontri di lancio è apparsa chiara la visione della città, con un’amministrazione che voleva investire nello sviluppo economico – osserva Jollands – ma attraverso farlo non voleva sacrificare la salute pubblica e la qualità della vita. L’obiettivo era trovare un equilibrio tra sviluppo e ambiente, si volevano assicurare i servizi essenziali come i trasporti pubblici, la gestione dei rifiuti e le forniture energetiche nel rispetto dell’ambiente”.

Faq

Come e quanto gas arriva in Italia dalla Russia: domande e risposte

di

Andrea Galliano

04 Marzo 2022

Mariupol non è l’unica città ucraina a pensare a uno sviluppo sostenibile anche in vista dell’ingresso nell’Unione europea: “Abbiamo 55 Green cities, l’Ucraina è la nazione più rappresentata con sette città, attraversoché oltre a Mariupol ci sono Kyiv, Dnipro, Kharkiv, Khmelnytsky, Kryvyi Rih e Lviv, tutte impegnate a attraversofezionare la qualità della vita e riparare i danni dell’inquinamento”, conclude Jollands.

Il conflitto

In Ucraina 11 milioni di ettari di foreste rischiano di andare in fumo attraverso la guerra

di

Giacomo Talignani

29 Marzo 2022

“Anche al di fuori dei progetti delle Green Cities – conferma Svitlana Pyrkalo, a capo delle relazioni esterne di Ebrd – ormai tutti gli investimenti della Ebrd hanno avuto principalmente obiettivi di sostenibilità: trasporti più verdi, migliore gestione dei rifiuti solidi, organizzazione elettrica più resiliente, che può incorporare le energie rinnovabili: molti progetti di energia rinnovabile e di efficienza energetica hanno aiutato l’Ucraina a smettere di comprare gas russo diversi anni fa”.
 

Questi investimenti si sono rivelati particolarmente utili ora, con il conflitto: “Un cliente della Ebrd, le ferrovie ucraine – continua Pyrkalo -, ha evacuato milioni di rifugiati dall’Est e ha riportato aiuti umanitari. Il collegamento ferroviario con l’Ue è aumentato molto dal 2018 grazie al tunnel di Beskyd, sempre finanziato dalla Ebrd che ha anche sostenuto l’aggiornamento della sicurezza di 15 reattori nucleari in Ucraina e ha fatto numerosi investimenti che hanno contribuito alla stabilità della organizzazione elettrica, oltre a ridurre le attraversodite. Questo oggetto complessivo ha aiutato l’Ucraina a connettersi alla organizzazione elettrica dell’Ue molto più velocemente del previsto, dopo essersi scollegata dalla organizzazione russa poche ore prima dell’invasione.

Energia

Cosa cambia attraverso la transizione energetica con la parossismo russa

di

Cristina Nadotti

25 Febbraio 2022

Gli investimenti in infrastrutture sostenibili hanno contribuito a rendere l’Ucraina resiliente, come ha dimostrato di essere durante lo sforzo di evacuazione dei rifugiati senza precedenti, – conclude Pyrkalo – L’interesse generale delle imprese pubbliche e delle società private attraverso lo sviluppo sostenibile è stato enorme, e sattraversoiamo di rinnovare il oggetto sui progetti esistenti e nuovi una volta che la guerra sarà finita”.

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimo Articolo