9.8 C
Monaco di Baviera
giovedì, Settembre 29, 2022

Prada, due donne nel board per accelerare sulla sostenibilità (e raggiungere la parità di genere)

Devi Leggere

Ascolta la versione audio dell’articolo

Due nuovi ingressi di amminstratori non esecutivi, Pamela Culpepper e Anna Maria Rugarli, rafforzano l’impegno di Prada in materia di sostenibilità e portano il board del gruppo a raggiungere una sostanziale parità di genere, con cinque donne e sei uomini. Le nomine, oltre ad aumentare le presenze femminili, rafforzano il numero dei consiglieri indipendenti (cinque su undici).

Le nuove consigliere Pamela Culpepper e Anna Maria Rugarli, che hanno alle spalle una lunga esperienza nel settore Esg ((Environment, social and governance) assumeranno – insieme a Stefano Bertelli, head of Csr – la leadership del nuovo Comitato Esg che verrà creato prossimamente, a conferma dell’impegno del gruppo nella sostenibilità ambientale e sociale. Il Comitato avrà il compito di assistere e supportare il Cda nelle valutazioni e decisioni in materia di sostenibilità, con particolare riferimento a persone, ambiente e cultura.

«Sono lieto di dare il benvenuto a Pamela Culpepper e Anna Maria Rugarli nel nostro board,professioniste che hanno ricoperto ruoli di leadership in aziende multinazionali e con una vasta esperienza e competenza sui temi Esg – ha detto Lorenzo Bertelli -. Il loro apporto sarà fondamentale per il Consiglio e per l’implementazione della strategia di sostenibilità di Prada. Questa scelta ci consentirà di accelerare sui numerosi progetti che già abbiamo in programma».

Prada, quotata a Hong Kong, ha annunciato di avere chiuso il 2021 con ricavi totali per 3,364 miliardi di euro, in crescita a cambi costanti del 41% rispetto al 2020 e dell’8% rispetto al 2019. Merito del forte miglioramento registrato nel secondo semestre da ricavi, margini e generazione di cassa.

Altri Articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimo Articolo